Al momento stai visualizzando Anche quest'anno Federconsumatori partecipa a #m'illuminodimeno: ecco alcuni consigli
Federconsumatori annuncia la propria adesione alla tredicesima edizione di M’illumino di meno, la campagna per il risparmio energetico promossa dal programma radiofonico Caterpillar.
L’appuntamento con la Festa del Risparmio Energetico e degli Stili di Vita Sostenibili è per venerdì 24 febbraio:

  • A partire dal 24 febbraio nelle sedi Federconsumatori le lampadine “tradizionali” verranno sostituite dalle luci a led.
  • Dalle 18.00 alle 19.30 del 24 febbraio i volontari, i consulenti e i dipendenti che operano presso gli sportelli Federconsumatori spegneranno i telefoni cellulari, che sono i dispositivi che più degli altri assorbono un enorme quantitativo di energia. Consideriamo che nel 2012 i dispositivi elettronici hanno superato, per numero, gli abitanti della Terra!

 
A tale proposito, e considerando che la parola chiave dell’edizione di quest’anno è la CONDIVISIONE, Federconsumatori propone di condividere i libri, riscoprendo così il piacere della lettura e di scambiarsi impressioni e opinioni in merito a ciò che si legge. A partire dal 24 febbraio e per un mese gli sportelli Federconsumatori (circa 800 su tutto il territorio nazionale) diventeranno punti di bookcrossing: presso le nostre sedi sarà possibile lasciare dei libri affinché possano essere presi in prestito e quindi letti da altri, che possano commentarli ed eventualmente a loro volta portarli altrove. Il nostro intento è di incoraggiare le persone a ‘disintossicarsi’ dal telefono cellulare preferendo la lettura: Internet può creare dipendenza, un libro crea indipendenza!

IL 24 febbraio è la festa del Risparmio Energetico e degli Stili di Vita Sostenibili.
Spegniamo le luci e accendiamo l’energia della condivisione.
Si può condividere l’auto per andare al lavoro.
Si può condividere la bicicletta e partire tutti insieme.
Si può iniziare ad usare il bike sharing o il car sharing.
Si può condividere il cibo: cucinare e mangiare insieme, a casa o in piazza.
Si può condividere il trapano, la polentiera, l’aspirapolvere, il tosaerba e la lavatrice.
Si può condividere la casa: con l’ospitalità, lo scambio, il divano o un posto per il sacco a pelo.
Si può condividere la banda: aprire il proprio wireless, sherare.
Si può condividere un saper fare: t’appendo quel quadro, t’insegno lo spagnolo, ti riparo la gomma della bicicletta.
Si può condividere un sapere: lasciare un libro o un giornale.
Si può condividere lo sport: correre insieme, pedalare, nuotare e sudare.
Si può condividere un telescopio e guardare le stelle che con le luci spente son più belle. E il cielo è di tutti, già condiviso
Si possono condividere i vestiti e i giocattoli usati dei nostri figli organizzando un baratto a scuola

Si possono condividere le incombenze, facciamo che oggi te lo porto fuori il cane
Si possono condividere i genitori e i bambini facendo i compiti insieme
Si può condividere qualsiasi cosa. Si può condividere un po’ di tempo. In silenzio. Si può anche parlare e ascoltarsi.
 
In ogni condivisione c’è un risparmio di energia.
Ogni condivisione genera energia.
Condividere fa bene.

per info: www.caterpillar.rai.it/milluminodimeno
 

E.A.

“Realizzato nell’ambito del Programma generale di intervento della Regione Emilia Romagna con l’utilizzo dei fondi del Ministero dello sviluppo economico. Ripartizione 2015″

1.121 Visite
  • Categoria dell'articolo:NEWS
  • Tempo di lettura:5 minuti di lettura